La favola di Adelina

Il quattordicesimo giorno di gare olimpiche è iniziato in maniera tranquilla e senza medaglie per la Russia. Il grande regalo per i tifosi russi è arrivato solo in serata, quando la diciassettenne Adelina Sotnikova ha conquistato la medaglia d’oro nel pattinaggio di figura femminile

Adelina Sotnikova (Foto: AP)

Viktoria Kolesnichenko, Russia Oggi

Nella giornata di giovedì 20 febbraio 2013 le migliori pattinatrici sono scese sul ghiaccio per disputare la finale di pattinaggio di figura individuale. La vittoria è andata alla diciasettenne atleta russa Adelina Sotnikova, che ha preceduto di 5,5 punti la favorita Yuna Kim. La coreana, a cui è andata la medaglia d’argento, ha portato a termine il programma libero senza commettere nessun errore, tuttavia la giuria, dovendo valutare la complessità dei numeri presentati delle due contendenti per il primo posto, così come l’eleganza con cui essi sono stati eseguiti, alla fine ha deciso di assegnare la vittoria all’atleta russa. Medaglia di bronzo per la celebre pattinatrice italiana Carolina Kostner. Yulia Lipnitskaya, lontana dalla perfezione mostrata nella gara a squadre, non è riuscita a tenere a bada l’emozione e ha concluso il programma individuale in quinta posizione, dopo aver commesso una serie di errori.

"Non è stata una stagione facile, mi sono ritrovata a lottare costantemente con me stessa. Ci sono stati momenti in cui non sapevo cosa fare. Momenti in cui sembrava tutto andasse bene, ma non senza intoppi. Alla fine, sono stata in grado di superare me stessa e di andare avanti. Non sono riuscita a partecipare alla gara a squadre, quindi volevo perlomeno vincere una medaglia nel campionato individuale. Il mio primo sogno era quello di partecipare alle Olimpiadi, e il secondo di vincerle. Entrambi si sono avverati. È una sensazione incredibile”, il portale sportivo championat.com riporta le parole della Sotnikova. “Ho fatto davvero molta strada per arrivare fin qui. Nonostante abbia solo 17 anni, era il mio sogno partecipare alle Olimpiadi. Ora come ora sono in stato di shock. Yuna ed io eravamo più tese durante l'annuncio dei risultati che durante la gara stessa”, ha dichiarato la Sotnikova. Grazie alla Sotnikova, per la Russia arriva così il primo oro nell’unica gara del pattinaggio che non aveva ancora vinto.

Tutti i retroscena di Sochi
nel blog di una volontaria
alle Olimpiadi

Freestyle

Nonostante abbia lottato fino all’ultimo per poter salire sul podio, lo sciatore freestyle Egor Korotkov non è riuscito ad arrivare in finale nella gara di ski cross, dovendosi accontentare del quinto posto. Egor Korotkov ha commentato così l’esito della gara: "Questo è il mio miglior risultato olimpico e mondiale. Ma non è un risultato di cui sono contento, in questo momento. Forse più tardi mi renderò conto di aver disputato una bella gara. O può anche essere che non sia semplicemente degno di una medaglia olimpica”. La gara si è conclusa con un podio tutto francese: l’oro è andato a Jean Frédéric Chapuis, l’argento ad Arnaud Bovolenta e il bronzo a Jonathan Midol.

Combinata nordica

Deludente il risultato ottenuto dalla nazionale russa nella combinata nordica a squadre. Evgeny Klimov, Niyaz Nabeev, Ernest Yakhin e Ivan Panin hanno concluso la gara in ultima posizione su nove squadre partecipanti. Ben cinque minuti e mezzo separano il quartetto russo dai vincitori. Gli italiani, arrivati penultimi, li precedono di due minuti e mezzo. L’oro è andato agli atleti norvegesi Joergen Graabak, Haavard Klemetsen, Magnus Krog e Magnus Moan. Al secondo posto i tedeschi, che hanno lottato fino alla fine per poter salire sul gradino più alto del podio. Medaglia di bronzo per gli austriaci.

Altre notizie su Sochi