Paralimpiadi, una Russia da 30 e lode

I padroni di casa si confermano dominatori assoluti, vincendo 30 ori, per un totale di 80 medaglie. Sedici i podi conquistati nelle ultime due giornate di gare

Gli sciatori Alexander Pronkov, Vladimir Kononov e Vladislav Lekomtsev sono saliti sul podio nella 10 km tecnica libera maschile standing (Foto: Ria Novosti)

Viktoria Kolesnichenko, Russia Oggi

Ancora vittorie. Ancora oro. Negli ultimi due giorni di gare, la squadra russa ha messo a segno un’altra serie di trionfi. Confermandosi il Paese vincitore di queste XI Paralimpiadi invernali di Sochi 2014. In totale sono state ben sedici le medaglie conquistate dalla Russia nelle giornate di sabato 15 e domenica 16 marzo.

Sci di fondo

Nella staffetta 4×2.5 km mista, gli atleti russi Svetlana Konovalova, Alena Kaufman, Elena Remizova e Nikolai Polukhin hanno conquistato il primo posto, con il tempo finale di 27 minuti 35,6 secondi. Dietro ai russi, con un distacco di 8,7 secondi, gli svedesi, seguiti al terzo posto dagli atleti norvegesi, vincitori della medaglia di bronzo.

Tutti i retroscena di Sochi
nel blog di una volontaria
alle Olimpiadi

Successivamente gli sciatori Alexander Pronkov (16 anni), Vladimir Kononov e Vladislav Lekomtsev hanno fatto l'en plein conquistando il podio intero nella 10 km tecnica libera maschile standing. "Non posso credere di avere vinto. Penso che nessuno ci creda ancora - ha dichiarato il vincitore Alexander Pronkov -. Non mi aspettavo di vincere l’oro, anche se sì contavo di finire sul podio. Contavo di più su una vittoria di Vladimir Kononov. Si è allenato duramente e aspirava davvero a questa medaglia. Per me si tratta della prima volta nel ruolo di leader. Ho solo 16 anni e sono entrato in squadra solo un anno fa. E per il momento considero questa vittoria non un merito mio, bensì dei miei allenatori”.

La situazione si è poi ripetuta nella 5 km tecnica libera femminile categoria ipovedenti. Elena Remizova ha conquistato l’oro, davanti a Mikhalina Lysova (argento) e Yulia Budaleeva (bronzo).

Lo sciatore Stanislav Chokhlaev ha conquistato la medaglia d'argento nella 10 km tecnica libera maschile categoria ipovedenti. La gara è stata vinta dal canadese Brian McKeever, davanti al russo per 7 secondi. Terzo il francese Thomas Clarion.

La russa Anna Milenina ha conquistato la medaglia d'oro nella 5 km tecnica libera femminile categoria standing. Le medaglie d’argento e di bronzo sono andate alle atlete ucraine Yulia Batenkova e Aleksandra Kononova rispettivamente.

Biathlon

La squadra russa composta da Roman Petushkov, Vladislav Lekomtsev, Grigory Murygin e Rushan Minnegulov ha brillato nella staffetta 10 km del biathlon, conquistando l’oro. Secondo posto per gli ucraini, terzo per i francesi. "Ci alleniamo con la squadra olimpica. Anton Shipulin ha persino detto in un'intervista che tifa per noi e che ha le lacrime agli occhi quando vede come ci alleniamo. Non riesco a togliermi dalla testa le sue parole, lo ringrazio davvero molto. Ho vinto tutte le gare di biathlon proprio ricordando le sue parole”, ha dichiarato Roman Petushkov ai giornalisti dopo la gara.

Sci alpino

Nella gara di slalom gigante maschile ipovedenti lo sciatore Valery Redkozubov ha vinto la medaglia di bronzo. La vittoria in questa disciplina è andata al canadese Mac Marcoux, seguito al secondo posto dall’atleta slovacco Jakub Krako.

Un'altra medaglia nello slalom gigante è andata al russo Alexei Bugaev, che ha conquistato l’argento nella categoria standing, dietro al francese Vincent Gauthier-Manuel con un distacco di 2 minuti 25,87 secondi. Terzo posto, e quindi medaglia di bronzo, per l’austriaco Markus Salcher.

Aleksandra Frantseva ha vinto l'argento nello slalom gigante categoria ipovedenti. La vincitrice in questa disciplina sportiva è stata la slovacca Henrieta Farkasova. Ha chiuso il podio l'australiana Jessica Gallagher.

Finali di curling e hockey su slittino

I russi hanno conquistato l’argento anche nel torneo paralimpico di curling, perdendo in finale contro il Canada con il punteggio di 3 a 8. Medaglia di bronzo, invece, per gli atleti britannici.

Altro argento anche per gli atleti russi di hockey su slittino. Nella finale, i russi sono stati battuti 1-0 dalla squadra degli Stati Uniti. La medaglia dei bronzo è andata, invece, ai canadesi che nella partita per il terzo posto hanno battuto i norvegesi 3-0.

L’allenatore della Nazionale russa di hockey su slittino Nikolai Sarshukov ha commentato così il risultato della squadra russa: "La nostra squadra era fisicamente pronta al cento per cento. Tuttavia, non avevamo nessuna esperienza di gioco in finale. Avevamo già sconfitto gli americani nella fase a gironi, ma nella partita decisiva la squadra si è fatta prendere dall’emozione. La responsabilità era diversa e ha influito il turbinio di emozioni dei tifosi che ruggivano, letteralmente, sugli spalti". L’allenatore ha infine aggiunto: "Penso che in Corea potremmo già contare sull’oro. L’importante è la voglia di andare avanti dei ragazzi”.

I padroni di casa hanno concluso queste XI Paralimpiadi invernali in vetta al medagliere generale con 80 medaglie, 30 delle quali d’oro. Secondo posto per la nazionale tedesca e terzo per quella canadese.

Altre notizie su Sochi