Plyushchenko, il dramma dello Zar

Colpo di scena nella settima giornata di gare: il campione di pattinaggio di figura si ritira. E ancora: le medaglie per lo slittino e il biathlon, e la gara del torneo di hockey

Evgenij Plyushchenko (Foto: Alexander Wilf/RIA Novosti)

Viktorija Kolechnichenko, Russia oggi

Sei gare. Sei set di medaglie. L 'agenda olimpica del  13 febbraio parte con lo  short track, in cui si sono svolte simultaneamente tre gare. Conservando con successo la propria posizione in classifica, la Nazionale russa si è riconfermata leader nei quarti di finale e anche nella semifinale dei 5000 metri. La squadra, capitanata da Viktor An, è passata in testa, superando Cina e Italia. Ora nella finale, prevista per il 21 febbraio, a contendersi l’oro saranno le squadre di Stati Uniti, Cina, Paesi Bassi e Kazakhstan. Le concorrenti più temibili al medagliere – ossia Canada e Corea – sono state squalificate in seguito alle cadute di alcuni atleti.

Il 13 febbraio entrerà nella storia della squadra maschile russa di curling , come il giorno del vero "sfondamento" della Russia . Al "Cubo di ghiaccio" i russi hanno battuto gli svizzeri per 7 a 6. Per quasi tutta la durata della gara la squadra avversaria aveva distanziato notevolmente i padroni di casa russi, ma già al decimo hand i russi è riuscita a recuperare 4 stone.  Da quando il curling è stata incluso tra le discipline dei Giochi, è la prima volta che la squadra maschile russa riesce a a conquistare una vittoria.

Ai Giochi è giunto il momento del grande hockey . La Nazionale russa ha affrontato la squadra della Slovenia e alla fine del match i russi hanno vinto con un punteggio di 5-2 (2-0; 1-2; 2-0). Subito dopo l’inizio della gara, al 2’ minuto, Aleksandr Ovechkin ha segnato un gol nella porta avversaria. Durante il match altri gol sono stati segnati dagli hockeisti russi Evgenij Malkin, Ilja Kovalchuk, Valerij Nichushkin e Anton Belov.    

Il tecnico della Nazionale russa, Zinetull Biljaletdinov, ha espresso un giudizio severo sul primo match del girone A, valutando sia il gioco degli avversari che quello dei padroni di casa russi.  “Il match ha dimostrato che dobbiamo essere più veloci nelle azioni e correggere certe dinamiche di gioco” ha osservato Zinetull Biljaletdinov, aggiungendo però che per la prossima gara non intende introdurre cambiamenti nella formazione.

Ad arricchire il medagliere della Federazione Russa sono stati, gli atleti del biathlon e dello slittino . A gareggiare per la Nazionale russa nello slittino sono stati per il singolo Tatjana Ivanova e Albert Demchenko e per la coppia Aleksandr Denisev/Vladislav Antonov. Gli atleti russi hanno conquistato il secondo posto , arrivando ad appena un secondo di distanza dai tedeschi, leader indiscussi di questa disciplina. L’oro è andato infatti alla Germania. A chiudere il terzetto dei vincitori sono stati i rappresentanti della Lettonia.  

Nella 20 km individuale maschile di biathlon Evgenij Garanichev si è aggiudicato una medaglia di bronzo. Primo è arrivato il francese Martin Fourcade, leader indiscusso nella gara a inseguimento. L’argento è andato al tedesco Erik Lesser. Quella di Evgenij Garanichev è la decima medaglia conquistata finora dalla Russia.

 

Tutti i retroscena di Sochi
nel blog di una volontaria
alle Olimpiadi

Il programma corto della gara maschile del pattinaggio di figura, previsto in serata, è stato segnato da un drammatico colpo di scena. Evgenij Plyushchenko, che aveva avvertito dei dolori alla schiena durante gli allenamenti, ha deciso di ritirarsi dalla gara. L’allenatore dello zar del ghiaccio, Aleksej Mishin, ha commentato: “Dopo le competizioni a squadre non si sentiva sicuro, ma il suo non sembrava un problema troppo serio, così abbiamo deciso di continuare a gareggiare. Ieri, durante il riscaldamento, al quarto salto è atterrato male, con un colpo violento. Ha continuato a pattinare, avvertendo dei dolori latenti, ma oggi non siamo riusciti ad andare fino in fondo alla gara”. 

Plyushcenko stesso ha dichiarato che intende interrompere la sua carriera, motivando la decisione con il fatto che “12 interventi chirurgici sono davvero troppi”. Ciò nonostante,  non intende abbandonare il pattinaggio di figura: “Continuerò a esibirmi negli show sul giaccio e sto preparando un nuovo spettacolo”, ha detto.  Plyushchenko era l’unico rappresentante della Russia in questa disciplina e ora una sua sostituzione risulta ormai impossibile.

Il settimo giorno delle Olimpiadi è stato funestato da un tragico incidente avvenuto sulla pista di bob . Durante una discesa di prova un volontario è stato investito da un bob . L’urto ha  provocato al giovane la frattura di entrambe le gambe. Il ferito è stato immediatamente trasportato all’ospedale. L’incidente è avvenuto nella zona di frenata sulla pista. Il Comitato organizzatore delle Olimpiadi e l’ufficio stampa dell’arena sportiva non hanno ancora rilasciato dichiarazioni. Si attende un comunicato ufficiale dalla Federazione internazionale di bob e tobogganing che monitora il corretto svolgimento di gare e allenamenti.

Nella classifica generale la Russia continua a occupare il settimo posto. Ai primi tre posti si sono classificate le squadre nazionali di Germania, Canada e Norvegia. 

Altre notizie su Sochi